Tag Archives: presidio permanente

PRESIDIO VIOLA A MILANO – 17 FEBBRAIO

Da Federico Ferme:

Presidio VIOLA Palazzo di Giustizia Milano … 17 Febbraio 2010 … 18° anniversario dall’arresto di Mario Chiesa PSI e l’avvio dell’inchiesta Mani Pulite … DISTRIBUITI VOLANTINI PER LA MANIFESTAZIONE DEL 27 …

Advertisements

Leave a comment

Filed under Uncategorized

Presidio permanente in Piazza Montecitorio

dal Blog:  La conoscenza rende liberi

Il legittimo impedimento: ennesima porcheria incostituzionale…

Lo scorso  3 febbraio l’Aula della Camera ha approvato la legge sul legittimo impedimento che permette al premier e ai ministri di evitare i processi che li vedono imputati per 18 mesi. Il testo,  approvato con 316 voti a favore, 239 contrari e 40 astenuti, ora è passato all’esame del Senato.

Continuano le norme ad personam del premier, ora c’è questa sul  ‘legittimo impedimento’ che permetterà al premier di “farsi la giustificazione da solo“perché si stabilisce  che il premier può ottenere il rinvio dell’udienza dei processi in cui è imputato, perché “legittimamente impedito” dalle sue attività di governo a comparire in tribunale. Ogni rinvio può estendersi fino a 6 mesi, per un totale di 18 mesi.

E’ sufficiente quindi  che la presidenza del Consiglio attesti l’esistenza di questo impedimento, perché il giudice rinvii il processo ad altra udienza. Queste norme sono estese anche ai ministri. Finora il giudice aveva un certo margine di discrezionalità nel decidere caso per caso se l’impedimento dell’imputato fosse legittimo e accordare o meno il rinvio.

Se passa questa norma anche al senato il giudice DEVE giustificare in ogni caso il premier o i ministri che attestino semplicemente di avere avuto “altro da fare” e deve rinviare il processo.

In soldoni:  fino ad oggi un presidente del Consiglio imputato e un ministro imputato che non si fossero presentati in tribunale ad un processo avrebbero dovuto portare una giustificazione valida. Da domani la giustificazione se la fanno da soli, possono non andarci mai in tribunale, perché hanno molte cose da fare e debbono stare sereni. Questo è il concetto di fondo.

Si tratta di una “legge ponte” che  scade dopo 18 mesi dall’entrata in vigore ,varata nell’attesa che il Parlamento approvi una legge costituzionale sulle immunità, come ricorda il testo stesso della legge.

Insomma un paese incagliato sui problemi di un singolo, sospinto ogni giorno ad un confronto aspro, estenuante, tra governo e magistratura ,una  folle guerra tra politica e giustizia fino a intaccare i pilastri del nostro sistema costituzionale.

Si vuole cancellare la volontà popolare del referendum del 1993 che rese possibile procedere alle indagini contro un parlamentare senza che il giudice richiedesse preliminarmente  l’autorizzazione a procedere al parlamento stesso.

Inoltre sono evidenti i profili di incostituzionalità del provvedimento. Basti pensare all’art.  3 Cost. sul principio di uguaglianza: perché poi ministro si e sottosegretario no, alcuni sottosegretari hanno deleghe più onerose di certi ministri soprammobili.

Ed un medico chirurgo che salva la vita ogni giorno è più o meno legittimamente impedito ad andare in udienza come imputato di uno che scartabella la mazzetta dei giornali tutto il giorno in parlamento ?

Inoltre come è stato già ribadito dalla  Consulta,  una presunzione assoluta di legittimo impedimento andrebbe proposta con legge costituzionale e non con legge ordinaria, come questa.

E lo ammette indirettamente lo stesso legislatore quando chiama questa legge “legge ponte” fino a quella costituzionale ( 18 mesi dopo ) del lodo Alfano bis.

Dal 4 gennaio  il Popolo viola 24h/24h è in presidio permanente in Piazza Montecitorio.

Stiamo facendo opposizione civile, contro questo governo dell’illegalità!

Legittimo Impedimento

Parla con chi è in presidio : 340 8222554

ed inoltre questo appello

Manifestazione nazionale contro il legittimo impedimento e a sostegno degli organi di garanzia costituzionale

Siamo persone libere, autonome dai partiti, decise a rilanciare il rinnovamento culturale e politico in questo Paese.
Rinnovamento gioioso, pacifico e determinato che nasce con il No B Day:
l’imponente manifestazione che ha riempito Piazza san Giovanni a Roma il 5
dicembre 2009. La grande festa di democrazia che ha colorato di viola strade
e piazze in Italia e nel mondo.

Noi crediamo che l’approvazione della norma sul legittimo impedimento eleverebbe di fatto un cittadino italiano al di sopra degli altri, e dei principi di legalità: violazione palese della nostra Carta Costituzionale.

Non è più tempo di indugiare: è ora che tutti ci mettano la faccia.
Per questo invitiamo tutti gli esponenti della cultura e dell’informazione, della scienza e dello spettacolo, delle forze democratiche e del lavoro, ad aderire e partecipare alla nostra nuova iniziativa.

Per questo invitiamo tutti i cittadini alla grande manifestazione di Roma,
in Piazza del Popolo, sabato 27 febbraio 2010 dalle ore 14.30.

A due mesi dal No B Day il rischio per la democrazia è ancora più grande.
Perciò torniamo nella piazza, affianco alla Costituzione e a sostegno degli organi di garanzia che essa prevede:
Nessuna legittimazione per chi attacca i principi della civile convivenza!

Questo appello è promosso da: Popolo Viola Roma, Presidio Permanente Monte Citorio, Bo.Bi., Blog San Precario, LiberaCittadinanza, pagina Facebook del Popolo Viola

1 commentarium

Filed under Uncategorized